tour Enogastronomico - Sicilia Dolci Stagioni Enogastronomia e Tradizioni Siciliane

Vai ai contenuti

Menu principale:

tour Enogastronomico

Utilità



MARSALA

In mattinata visita all'area archeologica di Selinunte. Proseguimento per Marsala con visita dei grandi stabilimenti che producono vini (Florio, Pellegrino, Duca di Castelmonte e Donna Fugata).
A Marsala la visita della cantina Florio ha una grande valenza culturale, poiché è possibile vedere una struttura industriale vecchia quasi due secoli.

TRAPANI ED ERICE

Nel pomeriggio partenza per Erice, antico borgo dai suggestivi vicoli medioevali, animato da botteghe di artigianato tipico, con degustazione del caratteristico dolce denominato "le Genovesi"; fagottino di pasta frolla, con ripieno di crema pasticcera.
Continuando poi per Paceco verso le cantine "Firriato" ed infine a Fulgatore, con la visita alle case vinicole Fazio Wines e all'azienda agricola Di Legami, due rinomati fregi del vino locale.

PALERMO E I SUOI VINI

Partenza per Casteldaccia (PA), per visitare la casa vinicola di Salaparuta, considerata una delle glorie dell'enologia italiana. In questa azienda vi si possono degustare oltre al Corvo nelle varianti rosso, rosato, bianco e glicine; il Corvo Colomba Platino, il bianco di Valguarnera, il Duca Enrico, il più rinomato, prodotto con uva di otto vigneti selezionati.
Vi si producono inoltre un liquore amarascato l'Ala, lo spumante Riserva Brut Duca di Salaparuta e il Corvo Novello.
Pranzo in un agriturismo per degustare le specialità della cucina palermitana.
Nel pomeriggio, proseguendo verso sud a Sancipirello, ha sede l'azienda Agricola Calatrasi, produttrice del vino omonimo e di altri vini pregiati come Terre di Ginestra, Allora, Selian, Accademia del Sole e Terrale.
I vigneti si estendono su una superficie di oltre 600 ettari e sono composti da vitigni autoctoni tipici di questa provincia e alloctoni (Chardonnay, Pinot Noir, Sauvignon-Tasca).
Vi si possono degustare il Terrale, il D'istinto, oltre al classico "Q" nelle varianti rosso, bianco e il "'A Naca", straordinario Nero d'Avola dai sentori unici nel suo genere.
Per concludere in bellezza, breve ma significativa tappa alla casa vinicola "Terre di Gratia" di Camporeale.


SEGESTA-SCOPELLO-ZINGARO

Partenza per Segesta, centro archeologico di notevole interesse.
Proseguimento per Scopello con il suo suggestivo ed antico borgo marinaro e la storica tonnara, proseguimento poi per la riserva naturale dello Zingaro, angolo incontaminato di paradiso.

Giornata a disposizione per attività balneari e per il relax.

Escursioni alla "Riserva dello Zingaro" e alle grotte "Abisso dei Cocci" facoltativa



Torna ai contenuti | Torna al menu